Se qui
Home > Flood Interviews > Enterprise Heroes > Friendz e Andrea Mascheroni: due realtà confliggenti!

Friendz e Andrea Mascheroni: due realtà confliggenti!

FRIENDZ CORE TEAM (MOST BLURRED)
Andrea Mascheroni, Friendz
Andrea Mascheroni, Friendz

Ieri sera ho scoperto che Andrea Mascheroni, con cui ho realizzato la mia prima intervista, e che avevo taggato dopo la pubblicazione, in quanto nella mia cerchia di amicizie su facebook, non era a me più visibile sul social network n°1 al mondo. La cosa ormai non mi stupisce più, dati i comportamenti “folli” e le azioni esecrabili e vili poste in atto dalle persone. La cosa che più mi ha infastidito è che non abbia nemmeno avuto la dignità di scrivermi prima in chat o su whatsapp, per preavvertirmi, motivando la sua decisione. Nulla di tutto ciò. Al che, per come sono solito agire d’impulso io (comportamento che solo gli ipocriti additano come esecrabile), ho provveduto immediatamente a scrivergli su whatsapp. Subito dopo aver letto il mio messaggio, con estrema solerzia mi ha bloccato anche su detta chat.

Ma, testardo come sono, non mi sono accontentato di quanto vi ho finora narrato. Volendo vederci per quanto possibile più chiaramente in un così torbido e vile comportamento, ho scritto a Luca Cresi Ferrari, Alessandro Cadoni (CEO & Co-founder di Friendz) e Antonio Masala, che sono suoi amici e stretti colleghi. Luca mi ha detto di essere impegnato in una skypecall di consulenza ad un’azienda, mentre Antonio Masala, che ho contattato per secondo, si è detto disponibile a chiedere ad Andrea, nella sola veste di ambasciatore, i motivi di un tale vile comportamento. A tale domanda, il soggetto si è limitato a rispondere, per interposta persona, che “non gli andavo a genio” (modo di dire che non ha alcun significato!). Antonio Masala si è quindi affrettato a dire che non sarebbe andato oltre nell’ambasceria. Appurato che Luca ancora non si era liberato dalla consulenza via skype, ho quindi commentato una foto in cui era presente il soggetto colpevole di viltà e villania, scrivendo ciò che pensavo del suo comportamento. Nella foto erano presenti anche Antonio e Alessandro: a seguito di questo, Antonio, palesemente irritato dal fatto che avessi detto ciò che pensavo di un simile comportamento, si è scagliato contro di me, dicendo che non potevo permettermi di commentare una sua foto in cui è presente un suo amico (Andrea Mascheroni per l’appunto), dato che non solo lui era presente nella foto, ma perdipiù per il fatto che, a suo giudizio, non potevo permettermi di appellarmi ad Andrea con termini come “minus habens”, “vile essere” ed epiteti simili, che nulla sono in confronto al suo vile comportamento, tipico di un qualunque ominicchio evirato.

Ciò detto, anche Antonio ha prontamente agito a bloccarmi, orgoglioso di questo suo “impavido” gesto da vile pallone gonfiato (di lardo e meteorismo cronico!!XD), ferito nell’intimo di questa sua “presunta” amicizia con Mr. Viltà, per timore di passare come mio sostenitore nel lasciar passare un simile commento, a suo dire di una gravità inaudita (mi chiedo come lo stesso abbia quindi giudicato il comportamento vile, immotivato e subdolo, del suo per così dire, amichetto..).

Ciò detto, ho scritto anche ad Alessandro, limitandomi a dire che non credo affatto opportuno che un simile essere faccia parte integrante del team di un’App. il cui nome è Friendz. La sua risposta è stata una risata (non so se per ostentare sicurezza o con esplicito intento di scherno/derisione: nel secondo caso non so di cosa..) e poi ha aggiunto che  non voleva “entrare nel mezzo di una questione tra di noi”. “Entrare nel mezzo di una questione tra altri due”?! Continuo a non capire come possa non riguardarlo, dato che io ho fatto l’intervista ad Andrea, incentrandomi in particolare su Friendz, essendo lui parte del nucleo centrale del team, ed avendomi bloccato senza alcun motivo e senza alcun preavviso, dopo che circa una settimana prima mi aveva tolto dagli amici, fingendo di non essere stato lui in prima persona l’artefice di una detta operazione. Se una startup è costituita da un team, o questo è composto di persone che sanno vendere e sanno vendersi o non credo potrà avere lungo respiro.

Se già nutrivo dei dubbi sull’app, in quanto basata su un algoritmo assolutamente discrezionale, di cui tengono segreto il funzionamento, perchè con ogni probabilità verrebbero sommersi da critiche logiche e quindi legittime, ora questi dubbi si sono tradotti in fastidio, ed essendo io un potenziale cliente, che ne conosce svariati potenziali altri, non so se questo atteggiamento esclusivo, altamente “dogmatico”, porterà mai quest’app. ad affermarsi per davvero.

Se un commesso di un negozio mi tratta male, come ad ex. le commesse frustrate, anoressiche e affette da tabagismo, che contraddistinguono i negozi Max Mara, con superiorità e/o saccenza, può stare certo che non vedrà mai nemmeno un centesimo da me, come da qualunque altra persona non masochista. Tanti affettuosi besitos e bon voyage, verso la dèbacle!!XD

No share, No gain!!;)
Tommaso Rossi
sono uno studente di 22 anni dr. in economia e finanza che ama tenersi aggiornato ed approfondire tali tematiche con una prospettiva globale e varia.
http://floodnews.net

One thought on “Friendz e Andrea Mascheroni: due realtà confliggenti!

Lascia un commento

Top